Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Possono invece essere utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza di eventuali plugin di siti esterni.
Se vuoi saperne di più sull'utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l'uso, leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookie. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

IL RUOLO DEL CONSORZIO LEB NELLA GESTIONE DELL'EMERGENZA AMBIENTALE DI BRENDOLA

in News (Home)
19/08/21
Visite: 292

Nella notte del 3 luglio in piena situazione emergenziale presso il Consorzio si è riunito il Gruppo di lavoro coordinato dal Dott. dall’Acqua  (Direttore Area del Territorio della Regione Veneto), con il fattivo supporto dei Vigili del Fuoco e degli uomini della Protezione Civile. Alla presenza del Presidente del Consorzio, Moreno Cavazza, del Sindaco del Comune di Cologna Veneta Manuel Scalzotto nonché Presidente della Provincia di Verona e del dott. Dell’Acqua, si sono adottate le azioni necessarie a difesa dell’ambiente e del territorio, provvedendo alla chiusura del Canale Guà Bacchiglione per evitare il transito di sostanze inquinanti, garantendo tuttavia una seppur ridotta funzionalità del sistema irriguo LEB.

Il provvidenziale quanto tempestivo intervento di tutti i soggetti a vario titolo coinvolti ha consentito di arginare ed alla fine superare lo stato di criticità, permettendo sin dalla giornata di Venerdì 5 luglio alle aziende agricole del comprensorio interessato di  beneficiare nuovamente del servizio irriguo nelle portate massime concesse dalle Autorità competenti, più che mai necessario dato lo stato delle culture e le difficili condizioni climatiche in atto.

Il Presidente del Consorzio ha rivolto, superata definitivamente la delicata fase emergenziale, un sentito ringraziamento, anche a nome dell’Amministrazione, alle maestranze del Consorzio ed a tutti coloro che si sono prodigati per superare il difficile momento che ha interessato il comprensorio, ricordando in particolare il prezioso contributo fornito dal dott. Nicola Dell’Acqua, dagli uomini della Protezione Civile e dal personale dei Vigili del Fuoco.

 

Torna su